Età Evolutiva

 

Il primo colloquio avviene con le figure genitoriali ed ha lo scopo di individuare le difficoltà presenti ed effettuare una corretta anamnesi. Seguiranno colloqui di osservazione con il bambino/adolescente e con l’intero sistema familiare. Questo iter permetterà di effettuare una precisa diagnosi e circoscrivere, in maniera costruttiva, le difficoltà per concordare le strategie più adeguate e funzionali.

Si trattano i seguenti disturbi:

  • difficoltà nel controllo della cacca e della pipì (encopresi, enuresi)
  • disturbi del sonno
  • ansia da separazione dalla figura di attaccamento
  • Ritardo mentale
  • Disturbo della Coordinazione Motoria e Disprassia
  • Disturbo dell’Attenzione e Iperattività (ADHD)
  • Disturbi del comportamento
  • Disturbi pervasivi dello sviluppo
  • Disturbo Specifico dell’Apprendimento (lettura, scrittura, grafia, calcolo)
  • Ansie e fobie
  • Disturbi dell’umore

In base alle difficoltà che si riscontrano nel bambino/adolescente è possibile intervenire con piani di trattamento diversificati e rispondere quindi in maniera adeguata e individualizzata. Se necessario potranno essere coinvolte nell’intervento le figure educative di riferimento. Il professionista, si interfaccerà con insegnanti, educatori, allenatori…

 


Ambiti di intervento

  • Interventi di Consulenza e Sostegno al bambino/adolescente
    Permettono di agire sulla sfera neuro-cognitiva, comportamentale e relazionale del bambino/adolescente.
  • Interventi di Alfabetizzazione Emozionale
    Hanno come obiettivo quello di dare un nome alle emozioni e riconoscerne l’intensità. Permettono di collegare le emozioni ai pensieri e alle situazioni, di stimolare l’empatia e di sintonizzarsi emotivamente con l’altro.

 

Dott.ssa Irene Di Girolamo